I trasporti marittimi nelle teorie geografiche

Proprio questa considerazione ci deve far comprendere che nonostante la Pedemontana in Italia e la Nuova Via della Seta voluta da Xi Jinping, otto merci su dieci nel mondo transitano via mare. Ovviamente vi sono innumerevoli altre rotte secondarie di breve raggio che uniscono aree strategicamente rilevanti per la logistica delle merci ad esempio il Porto di Genova con il Porto del Pireo. Un quarto delle merci del mondo transita per questi due porti cinesi.

Pertanto per riassumere, nelle prime cinque posizioni abbiamo quattro scali mercantili asiatici, di cui tre cinesi. Possiamo desumere ulteriori informazioni analizzando il ranking delle prime cinque grandi compagnie marittime al mondo container shipping company che si occupano di movimentare i containers in tutto il pianeta.

Al primo posto indiscusso troviamo la Moeller Maerskil gruppo danese con sede a Copenaghen, fondato nel dal capitano danese Peter Maersk Moller e suo figlio Arnold Peter Moller. Molto conosciuta anche la divisione che si occupa delle crociere, la MSC Cruises.

Anche le navi di MSC sono caratterizzate da nomi di donna. Infine al quinto posto troviamo la taiwanese Evergreen Marine con quasi un milione di TEU, si contraddistingue per avere tutti i suoi container colorati sempre di verde.

Molto probabile che entro il prossimo decennio i cinesi si posizioneranno in testa alla classifica sottraendo definitivamente la leadership proprio agli europei. Archivio P. IVA Credits Privacy. Necessary cookies are absolutely essential for the website to function properly. This category only includes cookies that ensures basic functionalities and security features of the website. These cookies do not store any personal information. Any cookies that may not be particularly necessary for the website to function and is used specifically to collect user personal data via analytics, ads, other embedded contents are termed as non-necessary cookies.

It is mandatory to procure user consent prior to running these cookies on your website. Anno: Editore: Macroedizioni Tipologia: Saggio economico Prezzo: 11 Euro Completamente esaurito Il libro descrive ed analizza lo scenario macroeconomico nazionale ed internazionale, avvisando in anticipo di come si possa ripetere tra qualche anno un crash finanziario sui mercati azionari simile a quello avvenuto nel sottolineando le nefaste conseguenze a cui assisteremo: pesante correzione degli indici azionari, rischio di bolla immobiliare, problema mutui, rialzo dei tassi ed il possibile default della moneta unica.

Il picco di produzione del petrolio, la globalizzazione allo stadio terminale, la bolla finanziaria degli strumenti derivati, il riscaldamento globale ed il rischio di collasso del sistema assicurativo sono solo alcuni degli argomenti trattati in questo saggio, tematiche che spaziano dalla climatologia all'energia, dalla speculazione di borsa alla socioeconomia.

i trasporti marittimi nelle teorie geografiche

Una sensazionale indagine finanziaria, spietata e cinica, che l'incalzante narrazione dell'autore rende avvincente ed apprezzata da un pubblico estremamente vario, dal pensionato al manager rampante.

Un DVD senza rivali nel panorama italiano che offre strategie ed informazioni per una gestione indipendente del proprio patrimonio. Un documentario che dovrebbe essere visionato in tutte le scuole italiane per il significativo contributo alla formazione ed alla informazione indipendente. Uno spettacolo unico nel suo genere all'interno del panorama teatrale italiano per lo spirito critico e il taglio informativo che pochi riescono a dare. Un'inquietante momento di approfondimento mediatico che dovrebbe essere visionato in tutte le scuole italiane per il significativo contributo alla formazione ed alla informazione indipendente.

E se dopo la Grecia toccasse ad altri Stati? Nulla viene risparmiato, dal sistema bancario al sistema scolastico, dall'immigrazione alla televisione, dalla crisi della famiglia alla nascita del precariato giovanile: un'analisi lucida e spietata nel tipico spirito giornalistico dell'autore.

Un'analisi complessa ma al tempo stesso molto comprensibile tanto per il piccolo risparmiatore quanto per il giovane studente universitario che vogliano rendersi conto del mutamento epocale che contraddistingue tutta l'economia occidentale.

Grande approfondimento viene dedicato ai mestieri e lavori del futuro e su quelli ormai obsoleti. Il mondo del lavoro si appresta ad un mutamento epocale in cui le giovani generazioni sono completamente impreparate ad affrontare. Tenere incollato chi legge, al pari di un giallo.

E per non farsi travolgere impreparati. Con un taglio giornalistico ed al contempo analitico, i due poliedrici autori scandagliano lo scenario socioeconomico europeo, a fronte del recente voto francese.I JavaScript sembrano essere disabilitati nel tuo browser. Per una migliore esperienza sul nostro sito, assicurati di attivare i javascript nel tuo browser.

Hai trovato un libro a un prezzo inferiore presso un altro negozio?

i trasporti marittimi nelle teorie geografiche

Servizio Clienti My Account. Ricerca avanzata. Immunoematologia [Tozzoli - Esculapio]. Vai alla fine della galleria di immagini.

Vai all'inizio della galleria di immagini. Immunoematologia [Tozzoli - Esculapio] Esculapio.

i trasporti marittimi nelle teorie geografiche

Aggiungi al Carrello. Aggiungi alla lista desideri Aggiungi al confronto Miglior Prezzo Garantito Hai trovato un libro a un prezzo inferiore presso un altro negozio? Maggiori Informazioni. Classificazione delle malattie reumatiche autoimmuni Epidemiologia delle malattie reumatiche autoimmuni Diagnosi genetica nelle malattie reumatiche autoimmuni e nelle sindromi autoinfiammatorie Evoluzione dei metodi e delle tecnologie diagnostiche per i test autoanticorpali Gli autoanticorpi anti-antigeni intracellulari Gli autoanticorpi cromatinici Gli autoanticorpi nucleari non cromatinici Gli autoanticorpi nucleolari Gli autoanticorpi citoplasmatici Gli anticorpi anti-peptidi citrullinati I fattori reumatoidi Gli autoanticorpi anti-fosfolipidi Gli autoanticorpi anti-citoplasma dei neutrofili Consulenza e governo clinico in autoimmunologiaBibliografia di Adalberto Vallega aggiornata marzo 1.

Milan: Franco Angeli. Vallega, A. Dordrecht: Kluwer. Milano: Mursia Geografia delle strategie marittime. Milano: Mursia. Compendio di geografia regionale sistematica, Milano: Mursia. Conoscenze di base, Milano: Mursia. Pensiero geografico e questione ambientale, Milano: Mursia. Teoria generale e caso ligure, Savona: Camera di Commercio.

Avviamento metodologico, Bologna: Patron. Termini per un glossario, Savona: Camera di Commercio. Termini di un problema, Savona: Amministrazione Provinciale. Trasporti marittimi e rivoluzioni economiche, Milano: Mursia; Il paesaggio costiero della provincia di Savona. Evoluzione e problemi, Savona: Cassa di Risparmio. Un'area di ricomposizione fondiaria, Milano: Cisalpino. A challenging exercise".

L'Agenda 21 della geografia italiana", Rivista Geografica Italiana, The case of the Mediterranean", Progress in Oceanography, 44, In Geography, oceans and coasts towards sustainable development, Vallega A. Ocean change publications. Milan: Franco Angeli, L'Agenda 21 della geografia italiana", Geografia nelle scuole, 43, 3: In Italy's seas. Problems and perspectives. In Mediterranean geographies, Conti S. Ocean and Coastal Management, Mann Borgese, A.

Chircop, M. McConnell and J. Morgan eds Ocean Yearbook, vol. Geografia regionale e nuovi modelli di gestione del territorio", in P. Ghelardoni ed. Farragina ed. A sustainable development-consistent approach', Journal of Marine Systems, 7: Contributi scientifici, Cerreti, C.

L'evoluzione della ricerca scientifica italiana', in"Genova, Colombo, il mare e l'emigrazione italiana nelle Americhe". Corna Pellegrini G.Clicca qui per l'elenco.

Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni. Utilizzando il nostro sito accetti il fatto che possiamo caricare questo tipo di cookies nel tuo dispositivo.

Visualizza Privacy Policy e Note Legali. In ogni Rivoluzione Industriale, possiamo identificare una "rivoluzione dei trasporti", che generalmente precede la Rivoluzione Industriale vera e propria.

Le vie di navigazione non hanno bisogno di manutenzione, ma solo di punti di attracco e quindi di porti ben attrezzati ; le strade devono essere tenute bene, e infatti in Inghilterra vengono sistemate tutte le vie di comunicazione interne.

Le ferrovie inoltre provocano un'accelerazione nell'industrializzazione, che porta a una modernizzazione tecnologica, grazie all'unificazione dei mercati e della crescente convenienza dei trasporti. Dagli inizi del Novecento, infatti, riceve un grande impulso la nascita e lo sviluppo dell'aeronautica prima militare, poi civile e dell'industria automobilistica.

L'aeronautica permette l'annullamento delle grandi distanze; l'automobile la riduzione delle piccole distanze. Crea sito. Javascript is required to use GTranslate multilingual website and translation delivery network. In via di svolgimento nelle nostre classi Clicca qui per l'elenco. UE - Direttiva e-Privacy Questo sito utilizza cookies per gestire le autenticazioni, la navigazione, e per altre funzioni.

Riconsiderare i cookie Hai rifiutato i cookie. Puoi modificare questa decisione. Rimuovi i cookies Hai permesso che i cookies siano salvati sul tuo supporto.Geopolitica sommario : 1.

Significato e definizione di geopolitica. Origine e sviluppo della geopolitica. I precursori del pensiero geopolitico e la sua evoluzione fino al termine del periodo bipolare. La geopolitica in Italia. Il futuro della geopolitica: spunti operativi, epistemologici e metodologici. Incerte sono le differenze fra la geopolitica e la geografia politica applicata da un lato e fra la geopolitica e la geostrategia dall'altro.

Tali termini, infatti, vengono frequentemente impiegati come sinonimi di geopolitica. Esistono una concezione 'allargata' e una concezione 'ristretta' di geopolitica v. Strassoldo, L'accezione ristretta si riferisce essenzialmente alla Scuola tedesca di Monaco di Baviera degli anniche ha inteso la geopolitica come una vera e propria scienza che studia il condizionamento deterministico esercitato dai fattori geografici, in particolare da quelli spaziali, sulla politica.

La geopolitica si proponeva di fornire allo Stato una "coscienza geografica", che Portinaro v. Gallois, La geopolitica diveniva nomotetica, cercando di conferire un fondamento naturalistico alla politica, sulla base di un determinismo ambientale. II, Romap. A parte le due definizioni estreme su cui ci siamo finora soffermati, ne esistono innumerevoli altre, tra cui ricordiamo quella di Ernesto Massi v.

i trasporti marittimi nelle teorie geografiche

La geopolitica non si riferisce solo alla politica estera, ma anche a quella interna: tra di esse esistono strette relazioni e spesso rapporti di subordinazione della prima rispetto alla seconda. Il significato e la natura della geopolitica dipendono dalle relazioni che si presuppongono esistere fra uomo e ambiente. Esse possono essere di cinque tipi v. Nel determinismo ambientale l'uomo non ha scelta: la storia e la politica sono determinate dalla geografia, dal clima, ecc.

Il comportamentismo cognitivo afferma che una persona reagisce all'ambiente nel modo dettatole dalla sua cultura e dalla sua esperienza. Il 'senso dello spazio' di Carl Schmitt costituisce un'applicazione di questa interpretazione delle relazioni anche indirette esistenti fra l'ambiente e l'azione umana.

Mentre la prima interpretazione dei rapporti fra ambiente e uomo corrisponde alla definizione 'ristretta' di geopolitica, le altre sono coerenti con la definizione 'allargata' del termine e sono compatibili, se non addirittura complementari, fra loro. Ad esempio, nell'individuazione delle opzioni decisionali possibili predomina sicuramente quel tipo di approccio che gli Sprout denominano "possibilismo ambientale".

Taluni ritengono che sarebbe corretto limitare l'utilizzazione del termine geopolitica ai lavori della Scuola tedesca di Monaco e di quelle che vi si ispirano, soprattutto in Italia e in Giappone.

Va quindi ritenuta l'accezione allargata della geopolitica e, quindi, la relativa indeterminatezza del termine. In questo senso, insomma, la storia della geopolitica si identifica praticamente con quella della scienza politica e soprattutto delle relazioni internazionali da un lato, e della geografia politica applicata dall'altro.

L'origine immediata della geopolitica va infatti collegata con il grande sviluppo che ebbero le scienze geografiche nel XIX secolo, con le teorie politiche che si affermarono soprattutto in Germania in particolare quella dello 'Stato potenza' e col successo delle teorie darwiniane sull'evoluzione delle specie viventi, che furono estese per analogia agli aggregati sociali e politici.

La geopolitica ha voluto costituire una sorta di dottrina naturale della politica, tentando di dare a quest'ultima una base empirica fondata sulla geografia, con la dichiarata aspirazione a trasformarsi in scienza politica globale. Il termine geopolitica fu introdotto da un sociologo e uomo politico svedese, Rudolf Kjellen v. Le altre erano l''economopolitica', la 'demopolitica', la 'sociopolitica' e la 'cratopolitica'.

Infatti egli notava che essa era posta al centro delle grandi aree di crisi e di competizione mondiale: con la Francia a ovest, con la Russia a est, con l'Inghilterra per il dominio dei mercati mondiali.

Per gli esiti della prima guerra mondiale la Germania fu notevolmente ridimensionata sotto il profilo territoriale. Diversi milioni di Tedeschi, per ragioni geostrategiche e in palese contraddizione con il conclamato diritto di autodeterminazione dei popoli, furono incorporati in altri Stati.

Le teorie geopolitiche furono considerate - soprattutto dal generale Karl Haushofer divenuto, con la costituzione dell'Istituto di Geopolitica di Monaco di Baviera, il vero caposcuola se non l'incarnazione stessa del pensiero geopolitico tedesco - come un mezzo per ispirare e stimolare la rivincita della Germania e per guidarla a un nuovo 'assalto' al potere mondiale.

Haushofer, pur rifacendosi direttamente a Kjellen, ridusse le sue cinque componenti dell''organismo Stato' alla sola geopolitica, assorbendo sostanzialmente in essa il contenuto delle altre quattro.Quali sono le integrazioni tematiche tra questo ed altri campi della geografia umana?

Una svolta, suggerita in questo testo, potrebbe essere rappresentata dal perfezionamento del modello sistemico di analisi per approdare a visioni dinamiche del porto e della regionalizzazione del territorio.

Cliccando acconsento al trattamento dei dati come specificato nell'informativa privacy. Autori e curatori. Maria Giuseppina Lucia. Infrastrutture e trasporti - Geografia economica e politica. Indice Prefazione, di Adalberto Vallega Introduzione 1. Posizione teorica del problema. Le premesse generali 2. I grandi temi: porto e ambiente fisico, flussi marittimi, organizzazione del territorio 3.

I grandi temi: porto, funzioni portuali e proiezioni spaziali 4. I grandi temi: definizione, determinazione e delimitazione del retroterra 5. I grandi temi: i problemi fondamentali dell'avanmare 6. Una svolta nella ricerca. L'evoluzione del concetto di retroterra 7.

La nuova geografia dei trasporti marittimi e la Macroregione italiana del Nord Ovest

L'avanmare e le rotte. Il senso della proiezione marittima 8. Porto e industrializzazione litoranea 9. Le metodologie di ricerca. Una rassegna I geografi protagonisti.

Tra concezione funzionalista e teoria sistemica Rilievi conclusivi. Tutti i campi devono essere compilati.Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Le informazioni di medicina e salute contenute nel sito sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo e per questo motivo non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione. Dopo due mesi arriva in un nuovo continente, ma crede di essere arrivato nelle Indie.

Parola chiave google : Grandi scoperte geografiche tipo file : doc. Si trattava dei turchi ottomani dal nome Osman o Otman del fondatore del loro Statoche avevano preso in Asia Minore il posto dei turchi selgiuchidi, abbattuti dai mongoli. Mentre nel Mediterraneo orientale si fronteggia il pericolo rappresentato dall'impero ottomano caduta di Costantinopoli che comporta lo sbarramento dei traffici tra Oriente e Occidentenel Mediterraneo occidentale:.

D Infine, i viaggi di esplorazione per mare furono resi possibili da importanti progressi tecnici connessi alla navigazione. In questo progetto confluirono diversi elementi teorici, pratici, ma anche leggendari:.

Il progetto di Colombo fu respinto dal re del Portogallo Giovanni II che lo ritenne non sufficientemente fondato, inoltre il Portogallo era impegnato in una politica di espansione lungo le coste africane. Ma la situazione a Santo Domingo o Hispaniola precipitava: disordini e violenze disseminate dalla cattiva amministrazione di Colombo, epidemie. Colombo viene processato e incarcerato nel e poi liberato grazie alla regina. I viaggi di Colombo stimolarono nuove iniziative sempre per scopo economico.

Proprio Vespucci fu tra i primi a comprendere che non si trattava dell'Asia, ma di un nuovo continente, in suo onore chiamato America.

Didattica e Logica

Esse presentavano:. Verso il d. Qui fondarono o la capitale Tenochtitlan-Mexico. Inoltre la vita di ogni uomo era rigorosamente predestinatagiorno dopo giorno, in ogni particolare. Essa era scritta nel Libro dei Destini, un calendario che veniva letto e interpretato da un indovino. L'impero dei Maya si estendeva nella penisola dello Yucatannelle terre del Guatemala e dell'Honduras. I primi insediamenti risalgano al II millennio a. Solo nel ebbe inizio l'esplorazione della Terraferma. Erano soldati spagnoli che, di origine spesso nobile ma poveri, ispirati dai romanzi cavallereschi e infiammati dal miraggio dell'oro e della gloria, attraversarono l'oceano, muovendo alla conquista dei grandi regni americani.

Approfittando della lotta dinastica degli incas crisi internagli spagnoli si scontrarono con gli incas, fecero prigioniero l'imperatore Atahualpa per il quale venne pagato un ingente riscatto, ma venne comunque ucciso. I mezzi della conquista. Inoltre gli Europei utilizzavano le balestre, le spade e spaventavano gli indios con i cani feroci. Nel caso degli aztechi, le leggende che raccontavano del ritorno del dio Quetzalcoatl in un periodo cosmico casualmente coincidente con la venuta degli spagnoli, avevano fatto credere che essi potessero essere emissari del dio.

Oggi gli storici tendono a dare un peso quasi maggiore a questo fattore rispetto a quello della distruzione militare.

L'economia-mondo e la tratta degli schiavi

Dal punto di vista dei conquistatori, il problema era il controllo e lo sfruttamento dei nuovi domini : essi vi trasferirono forme di organizzazione politica e sociale che avevano molto in comune con il sistema feudale. Nel il re del Portogallo divise il Brasile in 12 " capitanie " affidate a dei responsabili chiamati donatarius con il compito di:. Nel Nuovo Mondo essa consisteva nell'assegnazione a un conquistadores o a un colono spagnolo di una circoscrizione territoriale di solito un villaggio indigeno al cui interno, pur senza essere proprietari del suolo, essi avevano il diritto di esigere determinati tributi e prestazioni di lavoro dagli indigeniin cambio gli encomenderos erano tenuti a proteggere questi loro vassalli e a convenirli alla fede cristiana.

Geopolitica

Nel Nuovo Mondo rimase per secoli un'economia naturale: non monetaria. L' atteggiamento degli europei nei confronti delle popolazioni americane fu caratterizzato, fin dall'inizio, da un totale rifiuto. Altri s'impiccarono con le proprie mani. L'aumento della produzione si ottenne:. Ma l'interesse dei grandi proprietari per la terra costrinse i piccoli coltivatori indipendenti che non disponevano di risorse economiche per migliorare la loro produzione: - o a vendere le loro terreo a cadere preda degli usurai.

Nel corso del ' si assistette ad un'accresciuta richiesta di carbone minerale utilizzato soprattutto nel riscaldamento domestico.


Comments on “I trasporti marittimi nelle teorie geografiche